Archivi tag: pdl

Perché siamo un Paese ingovernabile?

Credo che il vero problema siano i partiti, che mancano di una vera connotazione ideologica. Sono ormai dei contenitori assortiti, che mixano istanze che ben poco hanno a che fare con la Politica con la P maiuscola.

Il PDL è Berlusconi. E’ il partito dei furbi, dei faccendieri. Non c’è altro, solo l’arricchimento personale come obiettivo, in spregio a qualsiasi principio. Poi raccoglie di tutto: telespettatori imbambolati, pensionati anticomunisti viscerali, evasori totali, mafia.

Il PD è un calderone di ex-qualsiasicosa, uniti solo dall’idea di essere un po’ meno stronzi di quelli di destra. E’ costretta a districarsi tra le esigenze degli operai, quelle dei professionisti radical chic e dei cattolici conservatori che non votano a destra solo perché abbiamo una destra troppo volgare.

Il cinquestelle non è un partito, è un’orda male assortita e peggio condotta, e qui il mix è davvero super-eterogeneo: si va dagli ex berluscones in disgrazia, pignorati da equitalia, ai complottari nerd da scie kimike, agli ingenui idealisti puri, agli pseudofascistelli de noantri. Un casino urlante senza capo né coda.

Ditemi voi come si trova la quadratura del cerchio in una situazione del genere. Forse il prezzo della caduta delle ideologie è più alto di quanto crediamo.

Lascia un commento

Archiviato in Brevinevrosi

Se interferiscono, interferisci

Cito dal blog di Waxen:

Oggi apro la mia casella di posta e dentro ci trovo una mail del Popolo delle Libertà (inviata tramite Gate2000, un’azienda di mail-marketing). In questa mail mi si chiede di partecipare alla manifestazione Pdl del 20 marzo e di collaborare a spargere il verbo inoltrandolo a tutti i miei amici

A me non è (ancora) arrivata. Nel caso sono pronto ad inoltrarne una versione modificata. Se può tornarvi utile, è scaricabile qui:

PdL – Circo Massimo

Lascia un commento

Archiviato in Brevinevrosi

La politica è una nobile cosa

Conscio del fatto che il novantacinque per cento degli italiani rifugge il parlare di politica come e più della Peste Bubbonica, mi pare giusto però analizzare i comportamenti di quel restante cinque per cento. Lo ha fatto con maestrìa Alassandra Daniele, su Carmilla, riportando uno scorcio di conversazione tra un italiano di sinistra e un elettore del PdL che si interessa (vagamente) di politica.
Adesso restano da descrivere le altre possibilità, ovvero i discorsi  provocati dall’incontro di due italiani di sinistra, e quelli che nascono negli incontri tra due italiani elettori del PdL che si interessano di politica. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Robapesante