Archivi tag: blog

Della mia condizione mentale

Poichè tenere un blog personale è notoriamente una cosa da sfigati schizofrenici, se non scrivo niente non c’è da preoccuparsi: vuol dire che sto meglio.
Ho decisamente un equilibrio migliore del solito, e questo mi porta a sperimentare esperienze nuove. Ieri una persona mi ha insultato come un cane e non ho nemmeno capito bene il perchè. Poi, quando ha finito, mi sono sentito lusingato per via di tutta quella attenzione verso la mia persona.
Ok, ammetto di non essere ancora guarito. Riprenderò a scrivere al più presto.

p.s. – Piace la nuova testata del blog?

2 commenti

Archiviato in Seghementali

Comunicazione di servizio

Nota per i frequentatori abituali del blog: il post precedente (Sanremo 2010/ Il principesco plagio) è stato solo un astuto sistema promozionale per attirare ignari utenti teledipendenti.
Da domani ricomincerò a scrivere le solite cose comuniste.

P.s. – Oggi record di visite.

1 Commento

Archiviato in Brevinevrosi

Perchè quei blog lì mi stanno sul cazzo

Io non li sopporto quei blog che, post dopo post,  raccontano una vita perfetta. Un sacco di amici, e quel rapporto ancora speciale con l’amico/a del cuore, conosciuto alle elementari, che sopravvive a tutto, sempre uguale.
Il casale in campagna e il loft in città. I libri colti e ricercati letti en passant, perchè è l’abitudine. Il gatto persiano/siamese. L’ex marito/moglie che c’è comunque un bellissimo rapporto, per non parlare di quanto è dolce e affettuoso il suo Golden Retriever. E quell’amore ritrovato sussurrato tra le righe, che a cinquantanni loro si sentono di nuovo ragazzini, con figli grandi che sono gioielli, che fanno lavori splendidi tipo il designer o l’arredatrice d’interni, e questo/a nuova amante che a letto è una cosa che non si può dire ma si lascia immaginare benissimo.
Di questi blog, non ne cito nessuno, perchè sicuramente verrebbero qui a dire che non è vero che sono perfetti, che hanno un sacco di problemi. Ma poi è ovvio, che vita perfetta sarebbe senza problemi?
Perchè loro i problemi ce li hanno, ma sono problemi che derivano dal troppo tempo libero, però pensano che si tratti di problemi veri.
Però, qualche volta, secondo me è tutto finto. Secondo me c’è gente che fa i blog finti per raccontare una vita che è tutto il contrario della loro vita vera. E questo sì che è triste, perchè mica te lo ha ordinato il dottore di fare un blog: se non c’hai un cazzo da raccontare, non raccontare un cazzo, oppure parla d’altro!
E se quello che hai da raccontare fa veramente molto schifo al cazzo, raccontalo, che magari ci sono un casino di amanti dell’horror che ti porteranno in trionfo come un Dio.
Però di sicuro ce ne sono anche di quelli veri, tra questi blog perfetti. E io non li sopporto. Quelli veri, dico.
Perchè uno che c’ha una vita perfetta non dovrebbe raccontarla: dovrebbe viverla e basta, conservando quel pizzico di rimorso generato dalla consapevolezza che il privilegio, in fondo, è sempre un po’ un’ingiustizia.

4 commenti

Archiviato in Brevinevrosi

I desolanti interessi del blogger medio

Che l’Italiano medio si nutrisse di  TV , calcio e lotto-superenalotto mi era ben noto.  Ma riponevo maggiore fiducia nel popolo internettiano.
La bacheca di WordPress, 5 minuti fa:

Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Robapesante