La legge di Peter

I creativi che hanno ideato la nuova campagna “Be Stupid” della Diesel sono sicuramente molto furbi, ma è evidente che non hanno alcuna cultura riguardo al serissimo problema della stupidità umana.
Soprattutto, è chiaro che ignorano la terza legge di Cipolla, ovvero la definizione di stupidità:

Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita.

***

Il Principio di Peter afferma che, in una organizzazione meritocratica, ognuno viene promosso fino al suo livello di incompetenza. Se una persona sa fare bene una cosa, la si sposta a farne un’altra. Il processo continua fino a quando ognuno arriva al livello di ciò che non sa fare – e lì rimane.

Cioè una persona, che non è stupida quando ha un compito che è in grado di svolgere, viene spostata in una situazione in cui diventa “stupida” , non in assoluto, ma in rapporto al risultato delle sue azioni.
Il risultato è che nell’organizzazione aumenta continuamente il livello di incompetenza. E le persone competenti si trovano sempre più spesso alle dipendenze di incompetenti che le ostacolano nello svolgimento del loro lavoro.

(tratto da: Il potere della stupidità, di Giancarlo Livraghi)

Approfondimento fondamentale e irrinunciabile sulla stupidità:

Le leggi fondamentali della stupidità umana, di Carlo F. Cipolla.

5 commenti

Archiviato in Libraggi

5 risposte a “La legge di Peter

  1. blepiro

    C’é una soluzione: fingere di essere incompetenti, quando in realtà si è molto competenti.
    Ma bisogna fingere bene, altrimenti ti spostano.

    (che sia la strategia dei vertici del PD?)

  2. lou-ban

    Il principio è più propriamente nel senso che “ognuno raggiunga il suo “massimo” livello di incompetenza”, altrimenti non c’è vera meritocrazia e aree di incompetenza fondamentali potrebbero risultare inutilizzate.

  3. Gio

    Grazie, veramente, per aver scritto ciò che non posso avvermare ad alta voce…

  4. DocMax

    E’ una vera fortuna che nella nistra società non siano le persone meritevoli ad esser promosse …

  5. claudia

    Una prova? Basta guardare chi mettono nelle liste elettorali o addirittura già nei posti dirigenziali…
    Solo che, a differenza delle aziende private dove ci rimette il proprietario, nelle istituzioni paghiamo tutti noi.
    La fondatezza della legge di Peter è che questo libro è spesso indicato come ausilio didattico nei corsi di management.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...