Archivi del mese: gennaio 2010

La legge di Peter

I creativi che hanno ideato la nuova campagna “Be Stupid” della Diesel sono sicuramente molto furbi, ma è evidente che non hanno alcuna cultura riguardo al serissimo problema della stupidità umana. Continua a leggere

Annunci

5 commenti

Archiviato in Libraggi

Se fossi poeta scriverei poesie/2

A Giorgia

Ti guardo dormire
La fronte all’infinito
Quasi niente alle spalle
Niente è più celestiale del sonno dei bambini.

***

L’uomo invincibile

Ancora un sogno nuovo
Scritto nel cielo metallico
Sapevi convincere anche il sole

Gelida mano, vigliacca!
Poteva strapparti l’anima
Lasciando il corpo ai vermi

Invece ha preferito sfiorarti
Stendendo un velo di nebbia
Assoldando la tua immagine per spaventarti.

***

Il primo Spinoziano che dice che sembrano quelle di Bondi, giuro che gli stacco un orecchio a morsi.
E comunque, ce ne sono altre qui.

4 commenti

Archiviato in Poetaggi

L’inutile iPad

Steve Jobs (con la morte in faccia per via della malattia al fegato) con l'Ipad

Apple ha presentato l’iPad. Si tratta di un dispositivo portatile pensato soprattutto per scaricare e leggere libri e giornali. I fan italiani della mela morsicata l’hanno bollato subito come inutile. In effetti, in un Paese dove si legge pochissimo e si guarda ancora moltissima televisione generalista è ben difficile che questo aggeggio abbia una penetrazione importante nel mercato.
Tuttavia, qui in Italia questo pc-non-pc sarebbe una buona idea per tutte quelle persone che usano il computer solo per navigare in Internet e mandare e-mail. Ne conosco sempre di più: sono pensionati, madri di famiglia indaffarate, uomini di mezza età allergici alla tecnologia. Tutta gente che vedo litigare quotidianamente con i loro portatili Windows, che hanno potenze strabilianti, centinaia di programmi e miliardi di funzioni, e poi si piantano mentre guardi le previsioni del tempo. Per loro l’iPad andrebbe benissimo, ma non lo compreranno, almeno finchè i geek de noantri continueranno a sostenere che per navigare sul web hai bisogno di un processore a 3GHz, 5 gigabyte di RAM e 1 terabyte di hard disk.

p.s. – Personalmente non ho mai avuto problemi a leggere anche un intero romanzo sullo schermo del pc. In questi giorni sto leggendo questo.

9 commenti

Archiviato in Brevinevrosi

La ventesima email, l’ennesimo adepto

Chissà se quelli di Nazione Indiana si sono accorti di aver pubblicato un articolo che ruota tutto intorno ad un tipico ragionamento di matrice berlusconiana.
Cito la chiusa finale del pezzo, firmato da Piero Sorrentino:

E penso che mi spiace che sia stato condannato a sei anni di galera, perché secondo me Federico Focherini è un uomo innocente che non ha commesso il reato per cui è stato condannato, perché penso che Focherini in passato abbia fatto un sacco di cazzate a scapito della sua salute per arrivare a certi risultati, ma penso anche che non si possano infliggere sei anni di carcere a un uomo per condannare uno stile di vita che non ci piace. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Robapesante

In fondo Avatar vale il prezzo del biglietto

In fondo "Avatar" vale il prezzo del biglietto

Quanti di noi sono persone assai peggiori del proprio alter-ego virtuale?

Lascia un commento

Archiviato in Seghementali

Il processo a termine

Attenti che anche stavolta vi fregano con le parole. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Robapesante

Siamo tutti Sentenza

Lo chiamavano Sentenza

Organizzazione tramite Facebook , coordinamento via sms, appuntamento al bar fico in passeggiata per l’aperitivo lungo, prosecuzione pub con birreria artigiana annessa a 50km di distanza, ingresso in discoteca (a 100km di distanza, arrivo ore 2.00) , uscita ore 6.30, cappuccino e brioches in pasticceria-sala-da-tè. Spesa totale 150 euro se bastano.
Oggi pare funzioni così, ma nel 1986 le nostre serate tra amici erano un po’ diverse da quelle dei ragazzi di oggi. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Brevinevrosi